In queste ore, in cui si opera in condizioni estremamente difficili, nel ribadire per tutti la necessità di attenersi alle procedure previste dal “Protocollo Operativo per le attività di protezione civile”, informiamo che Agesci Marche – in particolare la zona Ascoli Piceno – su richiesta delle autorità ecclesiastiche locali, sta fornendo il proprio diretto contributo alle operazioni di sostegno alla popolazione.

L’AGESCI nazionale NON è ancora attivata, pur se in costante contatto con il Dipartimento della Protezione Civile. Non è semplice gestire l’emergenza, soprattutto nelle prime ore, durante le quali le informazioni sono scarse e la situazione evolve rapidamente. C’è bisogno adesso – e sono tanti i volontari che si stanno prodigando nel dare soccorso – ma ci sarà bisogno anche fra qualche tempo. Gli scout hanno sempre avuto il proprio punto di forza nell’essere vicini alla gente, garantendo il proprio servizio anche e soprattutto sul lungo termine.

Restiamo pronti e impegnati sin d’ora, ciascuno nel proprio territorio, a collaborare con le strutture locali.

L’AGESCI non organizza a livello nazionale una raccolta di beni di prima necessità, ma è possibile portare il nostro contributo sostenendo le iniziative già avviate in molte realtà parrocchiali.

Cooperiamo con i nostri fratelli, tutti insieme, percorrendo la stessa strada.

Teniamo nel cuore in modo speciale la nostra sorellina Angelica, lupetta del gruppo Roma 88, che ha perso la vita insieme ai suoi genitori.

 

I Presidenti del Comitato nazionale AGESCI


Vi aggiorniamo in merito al sisma che questa notte ha colpito il Centro Italia.

L’emergenza è a livello nazionale anche se la nostra Associazione, al momento, NON è stata attivata.

Il Settore Protezione Civile è in costante contatto con Sala Italia presso il Dipartimento della Protezione Civile per gli aggiornamenti riguardo l’emergenza in corso; in questa fase abbiamo ancora pochissime informazioni.

Sarà cura del Settore Protezione civile informare sull’evolversi della situazione e comunicare l’attivazione richiedendo la disponibilità di volontari e la formazione delle squadre d’intervento.

Vi ricordiamo inoltre che la legislazione vigente riguardo la sicurezza prevede che i volontari di protezione civile siano informati, formati e addestrati!!! http://protezionecivile.agesci.it/il-percorso-sicurezza/

Non potranno quindi essere prese in considerazione disponibilità di coloro che non hanno partecipato all’apposito corso di formazione.

Chiediamo a tutti di bloccare ogni possibile iniziativa autonoma, non concordata o autorizzata e di attenersi alle procedure secondo quanto previsto dal “Protocollo Operativo per le attività di protezione civile

 

Marco Succi

Incaricato Nazionale al Settore Protezione Civile

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza degli utenti: continuando a navigare sul sito accetti questo utilizzo. Ulteriori informazioni